Archivi tag: recensione

reviews_dec

Nuove recensioni per “Descending Patterns”!

“Un mix di hardcore di stampo americano e progressive metal questo Descending Patterns degli italiani Epis Theme. First-act della band, tutto è ben congegnato: le linee aggressive e i frequenti cambi di tempo rendono il lavoro interessante e in linea con gli standard attuali, pur mantenendo una identità ben definita…EpisTheme, un’altra piacevole scoperta di questo 2014 che volge al termine.”

Raffaele Acampa [All Around Metal] > Leggi il resto: clicca QUI

“un lavoro estremamente curato nei particolari che cresce ascolto dopo ascolto, brillante sia nei passaggi più brutali, sia nei momenti più introspettivi, merito dei due poliedrici chitarristi Coluzzi e Grillo e di una sezione ritmica tutt’altro che lineare.”

Alessandro Mencarini [HardSounds] > Leggi il resto: clicca QUI

…e ancora tanto altro su: Whiplash Net, PowerMetal.cl… check’em out!

 

 

epistheme_audiofollia

Nuova recensione su AUDIOFOLLIA a cura di Giovanni D’Iapico

Senza fare un elenco interminabile di paragoni, i primi riferimenti musicali che mi vengono in mente sono i Tool, Korn, System of Down. “Erase that frame” ha una struttura piuttosto variegata e complessa, aree musicali piuttosto “rocciose” che si alternano ad episodi estremamente lirici, melodici, per poi soffermarsi in vie di mezzo, il tutto con uno stile compositivo, mai lasciato al caso: curatissime le parti ritmiche ed estremamente graffianti le chitarre distorte. Senz’altro ottime le registrazione, i missaggi, il mastering.

La ricchezza compositiva di questo disco non è affatto trascurabile, c’è una ricerca minuziosa in ogni aspetto: dai suoni alle armonie, dalle ritmiche all’espressività vocale, dagli assoli di chitarra (che non sono meri riempimenti, ma incastri ben studiati), all’equilibrio tra pieni e vuoti.

[Giovanni D’Iapico]

Leggi la recensione completa su AUDIOFOLLIA

metallo_italiano_epistheme

Nuove recensioni su Lords of Metal (79/100), Zware Metalen (78/100) e TOP ALBUM su METALLO ITALIANO!

“Già da “Eyeland” ci si rende conto di essere davanti a qualcosa di alto livello, e non c’è un minuto di musica che scalfisca questa convinzione. Diamo a Cesare quello che di lui è e a Riccardo e Daniele quello che è loro: a livello ritmico sono dei mostri, punto! Luca Correnti è un cantante con gli attributi, poche storie a riguardo, ti strappa la pelle quando va di cattiveria, ma sa carezzarti quando sfodera delle clean vocals, intense e delicate; Francesco ed Enrico sono muro del suono personificato. Qualità tecniche e sonore esaltate da registrazione e produzione limpida, dinamica e potente. Disco consigliatissimo a tutti gli amanti del metal tecnico, ma apprezzabile anche da chi muove i primi passi in questi territori. Bravi!”

[Alessandro Biasi]

…TOP ALBUM su METALLO ITALIANO
Leggi la recensione completa cliccando QUI.

“There is plenty to experience on this disc, and it’s that I have had it by now with the shout/screaming vocals or this might have been an underground grower for me. That said; who knows what will happen. EpisThemE delivers a fine debut and a label should probably get in touch with the Italians.”

…su Lords of Metal > 79/100
Leggi la recensione completa cliccando QUI.

…su Zware Metalen, webzine olandese > 78/100
Leggi la recensione completa cliccando QUI.

 

son_of_flies_epistheme

Nuove recensioni su SON OF FLIES wz e ARISTOCRAZIA wz

“…quel tocco death melodico che permea i sette brani del disco: uno stile piuttosto lampante che si nota da subito con Eyeland e che ammalia totalmente l’ascoltatore con la strumentale Shades Of May…”

“…un album da consigliare a occhi chiusi a tutti gli amanti del death metal progressivo e melodico, con l’augurio che il prossimo disco porti fama e fortuna più che meritate.”

Leggi la recensione completa su ARISTOCRAZIA Webzine

“…Muniti dei giusti mezzi i nostri si rendono artefici di un sound variegato che a tratti riesce a rompere alcuni “standard” del metal dando spazio a passaggi più sofferti, controllati ma pur sempre efficaci.”

“…alcune delle tracce non mancheranno di entusiasmare quanti di voi sono amanti di sonorità che mettono in sintonia impatto e progressione.”

Leggi la recensione completa su SON OF FLIES Webzine